Archivi tag: 2015

“cesti” 2015 per un Natale speciale

In occasione del Natale 2015, ritornano i nostri pacchi natalizi con i prodotti Libera Terra, coltivati su terreni confiscati alla criminalità organizzata e recuperati dalle cooperative attraverso un lungo e paziente lavoro di coltivazione biologica.
Portiamo sulle nostre tavole prodotti che profumano di lavoro onesto e sono delizie alimentari!

Il dono del Natale 2015, confezionato in sacchetti in carta riciclata, sarà composto da:

  • 1/2 kg di pasta di semola di grano duro trafilata al bronzo
  • un sacchetto da 300 gr di tarallini pugliesi tradizionali OPPURE al finocchietto
  • passata di Pomodoro Siccagno (palermitano) da 410 g OPPURE salsa di Pomodorino Fiaschetto (brindisino) da 410 g
  • un pacco da 300 gr di frollini ai cereali con mandorle OPPURE all’avena integrale con miele OPPURE all’arancia con fave di cacao
  • paté di Oliva Cellina pugliese OPPURE paté di Cime di Rapa del Salento OPPURE paté di Carciofo Violetto brindisino

n.b. a capacchi.jpgusa della difficoltà nel reperire i prodotti, quest’anno non sarà possibile esprimere una preferenza tra le proposte in assortimento, ma i prodotti sono comunque tutti, inequivocabilmente, BUONI 🙂

Il contributo che chiediamo è di 15,00 euro che vanno a sostenere il lavoro delle cooperative di Libera Terra.
Per prenotare i sacchetti di Natale contattaci quanto prima scrivendo alla mail verona@libera.it

La consegna delle confezioni avverrà entro la prima metà di dicembre.
Grazie!

Annunci

“In ginocchio” teatro civile ad Erbè, venerdi 21 agosto

Un uomo e una donna, entrambi figli della mafia, lei perfettamente integrata nel ruolo di donna del boss, lui un ex assassino che ha ben compreso i meccanismi di un sistema che non inizia e finisce in Sicilia, in questi anni difficili di guerra alla legalità, di crisi, di incertezza per le nuove e vecchie generazioni.

La compagnia Ultimo Teatro ci presenta lo spettacolo “In ginocchio”, cui assisteremo assieme ai ragazzi ospiti del campo della legalità in corso presso il bene confiscato ad Erbè, e che si terrà Venerdi 21 agosto alle ore 21 al Parco dei Due Tioni ad Erbè (VR) con ingresso gratuito.

con la collaborazione di Libera Verona, gruppo scout AGESCI Tartaro Tione 1, SPI Verona, ARCI Verona

I due attori-autori Luca Privitera e Elena Ferretti, uno siciliano l’altra toscana, dopo anni di ricerche e scontri diretti con il peggio che possa offrire la nostra società, hanno deciso di raccontare la mentalità mafiosa attraverso due criminali, uno rinchiuso al 41bis, l’altra al 416bis. In una sorta di dialogo-interrogatorio con un ipotetico giudice – che non entrerà mai in scena –, i due indagati prendono di mira il pubblico: affabulando, commuovendo, divertendo, mettendo in dubbio l’onestà e la completa estraneità ai fatti dei presenti. Certo, perché secondo i due ambigui personaggi, nessuno è innocente a questa che sembra essere una vera e propria ostentazione collettiva, a questa mancata Giustizia che non punisce i “veri” colpevoli, ma sembra accanirsi sugli indigenti, sugli indifesi, sugli ingenui di questa società fatta di sciacalli e pirati.

E le domande che sorgono nello spettacolo “In Ginocchio – storie di mafia” di Ultimo Teatro Produzioni Incivili, sono molte: Tutti possono essere comprati, ma quanti di noi desistono? Quanti di noi hanno il coraggio di denunciare? Quanti di noi riescono ad imporsi di fronte a questa vigliaccheria? E perché?

Ed è forse questo, che i due personaggi vogliono trasmettere al di fuori delle loro celle, è proprio questo che tentano di dimostrare di fronte a chi li giudica. Spogliandosi una volta per tutte delle proprie colpe e delle proprie ipocrisie, pagando finalmente uno scotto che vuole essere un monito, ma anche, una speranza di cambiamento verso il migliore dei mondi possibili.

https://ultimoteatro.wordpress.com/2014/10/21/in-ginocchio-storie-di-mafia/

6 giugno: firma per il Reddito di Dignità, oggi a Verona!

Ci troverete oggi, sabato 6 giugno 2015, alla festa del Verona Pride ai Bastioni in via Città di Nimes, a partire dalle ore 18.45.
Ci uniremo alle altre associazioni presenti contro ogni forma di discriminazione e contro la povertà e le mafie.

In Italia è necessario avere una misura come il Reddito Minimo o di Cittadinanza, per ridurre la povertà, le disuguaglianze e contrastare le mafie. E’ quanto è previsto da proposte già presentate al Senato. Vogliamo che entro 100 giorni una buona legge arrivi in aula per essere discussa e approvata, per questo chiediamo il vostro sostegno: vi aspettiamo per raccogliere le vostre firme a supporto della Campagna per il Reddito Minimo!

Il Reddito Minimo è un supporto al reddito per coloro che non possono lavorare o non possono accedere agli ammortizzatori socio-economici perché li hanno esauriti, come gli esodati, o perché stanno per terminare la mobilità o non ne hanno titolo.
È una misura economica di contrasto alla povertà. È anche una misura socio-assistenziale. Dipende dalla tipologia del beneficiario. Aiuta a superare il rischio di povertà monetaria.
Il Reddito Minimo dovrebbe essere un diritto perché si allinea con la dignità delle persone. La dignità è un valore indivisibile e universale della persona su cui si fonda l’Unione Europea.

http://www.campagnareddito.eu/

campagna “miseria ladra” + aperitivo di compleanno + conferenza su mafie e corruzione in Veneto : 26 e 30 marzo 2015

Giovedi 26/3 ore 16.00 - Poveri di diritti, di potere e di parola - dal diritto alla residenza al reddito di cittadinanzaGiovedi 26/3 ore 16.00 – Poveri di diritti, di potere e di parola – dal diritto alla residenza al reddito di cittadinanza
dialogo con l’avv. Eve Tessera degli Avvocati di Strada di Verona e sollecitazioni a partire dalle campagne di Libera “Miseria Ladra” e di Banning Poverty “Dichiariamo illegale la povertà”, presso il CSV in via Cantarane 24

Giovedi 26/3 ore 18.30 – aperitivo di compleanno all’osteria Bastian Contrario, via Interrato dell’Acqua Morta. Vi offriremo una fetta di torta fatta in casa dalle ragazze del coordinamento e, se sarete curiosi, vi potremo raccontare cos’è “Libera, associazioni nomi e numeri contro le mafie” e le nostre iniziative a Verona.Giovedi 26/3 ore 18.30 – aperitivo di compleanno all’osteria Bastian Contrario, via Interrato dell’Acqua Morta. Vi offriremo una fetta di torta fatta in casa dalle ragazze del coordinamento e, se sarete curiosi, vi potremo raccontare cos’è “Libera, associazioni nomi e numeri contro le mafie” e le nostre iniziative a Verona.

Lunedì 30/3 ore 20.30 – Mafie e corruzione in Veneto: i costi sociali ed economiciLunedì 30/3 ore 20.30 – Mafie e corruzione in Veneto: i costi sociali ed economici
con Pierpaolo Romani, coordinatore di Avviso Pubblico, Gianni Belloni, direttore Osservatorio antimafia Veneto, Daniela Zumiani, docente Dip TeSIS, in Sala da Lisca, Via Interrato dell’Acqua Morta 54

dal 13 al 30 marzo: incontri e spettacoli – XX Giornata della Memoria e dell’Impegno 2015

La Memoria che fa Primavera – dalla legalità alla responsabilità, dalla conoscenza alla partecipazione – anno 2°

programma delle iniziative:

Venerdì 13/3 ore 20.00 – Cena della Legalità preparata da Docenti e Studenti con i prodotti di Libera Terra – presso il Csf Stimmatini in Via G.B. Cavalcaselle 20
Sabato 14/3 ore 10.00 – la compagnia teatrale multietnica di Bologna “I CANTIERI METICCI” presenta: “Il violino del Titanic” alla Fondazione Bentegodi, in Via Trainotti 3
Sabato 21/3 – Lettura dei nomi delle vittime innocenti mafia in alcune scuole di Verona e manifestazione nazionale a Bologna
Mercoledì 25/3 ore 20.30 – Donne e mafia
con Vincenza Rando, avvocata di parte civile per Libera, Jessica Cugini, redattrice di Combonifem, c/o Combonifem in Via Cesiolo 46 (accesso da via Monte Ortigara)
Giovedi 26/3 ore 18.30 – aperitivo di compleanno all’osteria Bastian Contrario, via Interrato dell’Acqua Morta. Vi offriremo una fetta di torta fatta in casa dalle ragazze del coordinamento e, se sarete curiosi, vi potremo raccontare cos’è “Libera, associazioni nomi e numeri contro le mafie” e le nostre iniziative a Verona.
Lunedì 30/3 ore 20.30 – Mafie e corruzione in Veneto: i costi sociali ed economici
con Pierpaolo Romani, coordinatore di Avviso Pubblico, Gianni Belloni, direttore Osservatorio antimafia Veneto, Daniela Zumiani, docente Dip TeSIS, in Sala da Lisca, Via Interrato dell’Acqua Morta 54